CASA MIA…CASA MIA… PRIMA EDIZIONE

POESIA
Il concorso di poesia di questa prima edizione, ha una sua particolarità: la ricezione delle poesie avverrà sia tramite posta ordinaria sia nei seguenti punti di raccolta (Municipi, centri anziani e librerie): Municipio III, portineria, Via Goito n. 35; Municipio IV, portineria, Via Umberto Fracchia n. 45; Municipio XI, portineria, Via Benedetto Croce n. 50; C.S.A. “Pullino”, Via Pullino, 97; C.S.A. “Commodilla”, Via Commodilla, 15; C.S.A. Casale Ceribelli, Via P. della Mirandola, 48; C.S.A. “Aguzzano”, Via C. Aguzzano, 9; C.S.A. “Cifariello”, Via A. Cifariello, 1; C.S.A. Villa Torlonia, Via Spallanzani, 1; Libreria MELBOOKSTORE, Via Nazionale, 252 .
Una giuria sceglierà e valuterà le poesie migliori. La giuria sarà composta da On. Mario Di Carlo, Assessore Regionale per le Politiche della Casa; On.le Antonio Gazzellone, Consigliere Comunale Politiche Educative e Scolastiche; Pino Cormani, Regista e scrittore; Vittorio Banda, Scrittore e poeta ; Mirella Arcidiacono, Presidente dell’Ass. Cult. “Il tempo Ritrovato” e Favolista.

I vincitori verranno premiati in una serata apposita che si svolgerà alle ore 18,00 del giorno 16 giugno 2009 nella Sala Tevere della Regione Lazio sita Via C. Colombo n.212. Nella serata, oltre alla premiazione dei primi tre classificati e alla lettura delle prime tre poesie classificate ed, eventualmente, di quelle ritenute dalla giuria meritevoli. Seguirà un breve dibattito sul tema ‘casa’. Inoltre le tre poesie vincitrici verranno lette nelle tre serate teatrali dopo la performance teatrale.

 

TEATRO
Casa_mia_casa_mia_ed1_-_Foto_1

Le tre serate teatrali si svolgeranno all’aperto nei suddetti cortili Ater.
Lo spettacolo rappresentato sarà “L’alba, il giorno e la notte” di Dario Niccodemi per la regia di Pino Cormani.
In scena due giovani attori Giuseppe Abramo e Laura Monaco. Lo spettacolo narra il goffo e simpatico innamoramento.
Il corteggiamento prosegue e si sviluppa nell’arco di una giornata, il tempo in amore diventa relativo!

L’alba, che con la sua luce tenue dona un’atmosfera di romanticheria e di lieve incoscienza, è scena del primo incontro dei due e il suo romantico adagio culla gli sguardi incerti del primo amore, il giorno, che spezza con la sua luce e il suo forte calore l’atmosfera precedente, favorisce tra i due un litigio ai limiti della comicità, per passare finalmente alla notte che, con la sua poca luce lunare paca i volumi e riunisce le anime innamorate, diventa la conclusione a lieto fine, di questo corteggiamento d’altri tempi.

Bando

Poesie vincitrici